Informativa sui Cookies

L’assemblea sinodale

IL LAVORO DELL’ASSEMBLEA SINODALE (13 dicembre 2017 – 19 maggio 2018)

Membri

L’impegno richiesto a ciascun membro dell’Assemblea sinodale è anzitutto un impegno di cuore e di intelletto, nella consapevolezza di svolgere un servizio a tutta la Chiesa di Padova per rispondere alla domanda posta dal vescovo Claudio – “Cosa secondo te vuole il Signore per la Chiesa di Padova?” – e aiutare a discernere il cammino dei giovani e, di riflesso, delle nostre comunità per i prossimi anni. A ciascun giovane dell’Assemblea sinodale viene chiesta la disponibilità di entrare in un cammino spirituale di discernimento personale e comunitario.

  1. Membri di diritto

Sono considerati membri di diritto dell’Assemblea sinodale i membri della Commissione preparatoria del Sinodo:

– 22 giovani provenienti da 19 zone della diocesi (vicariati della Città, Altopiano-Lusiana, Thiene-Caltrano, Crespano, Quero-Valdobbiadene, Valstagna-Fonzaso, Cittadella, Villanova-San Giorgio delle Pertiche, Selvazzano-Montegalda, Vigodarzere-Limena, Legnaro-Maserà, Vigonza-Vigonovo, Piove-Arzergrande-Pontelongo, Montagnana-Villa Estense-Stanghella, Dolo-Campagnalupia, Conselve-Agna, Abano-Teolo-Lozzo, Monselice, Este) tra cui tre coppie, due di fidanzati e una coppia di sposi;

– 6 in rappresentanza dell’Azione cattolica, Scout, Caritas, Missioni, C.S.I. – Sport, Scuola – IRC;

– 2 religiosi;

– 5 presbiteri scelti dal Vescovo;

– 2 assistenti, dell’Azione cattolica e degli Scout.

  1. Membri eletti come rappresentanti delle comunità Ciascun vicariato dovrà indicare fino a quattro membri, due ragazzi e due ragazze, per l’Assemblea sinodale, scegliendoli o tra i componenti dell’équipe vicariale o tra i moderatori dei gruppi sinodali, nati tra il 1981 e il 1999. La scelta dei rappresentanti è fatta mediante votazione dall’équipe vicariale in un riunione in cui saranno invitati anche i moderatori di quella zona, alla presenza – senza diritto di voto – del Vicario Foraneo, del presbitero che segue il Sinodo nel vicariato stesso e almeno della Presidenza del Coordinamento Vicariale. I nomi degli eletti, i quattro giovani che hanno ricevuto più preferenze, devono essere comunicati alla Segreteria del Sinodo (sinodo@giovani padova.it) entro il 25 novembre 2017.

 

  1. Membri scelti come rappresentanti dei movimenti e delle associazioni. Ogni movimento o associazione con riconoscimento ecclesiale che avrà costituito entro l’1 ottobre almeno un gruppo sinodale avrà diritto ad avere un suo rappresentante nell’Assemblea sinodale. Alla presidenza di ciascuna di queste realtà viene dunque chiesto di segnalare entro il 25 novembre un giovane, nato tra il 1981 e il 1999, che abbia partecipato ai gruppi sinodali.
  1. Membri rappresentanti della Pastorale di ambiente. Saranno scelti due studenti in rappresentanza degli studenti del Centro Universitario e dei collegi universitari; due giovani del Seminario, due giovani delle comunità etniche presenti nella nostra diocesi, un insegnante di religione, due studenti della Facoltà Teologica, due giovani del NOI Associazione, da proporre per l’Assemblea sinodale entro il 25 novembre, tra quanti hanno partecipato a un gruppo sinodale.

 

Infine, come uditori, saranno presenti due catecumeni, due cristiani di altre confessioni, due non credenti, due immigrati e due membri del Consiglio Pastorale Diocesano.

Obiettivo

L’obiettivo dell’Assemblea sinodale è rispondere alla domanda del vescovo Claudio: “Cosa secondo te vuole il Signore per la Chiesa di Padova?”, esercitando il discernimento comunitario a partire dalle relazioni dei piccoli gruppi sinodali, ed elaborare delle proposte concrete da illustrare agli Organismi di comunione e al Vescovo.

Costituzione e Mandato dell’Assemblea sinodale

Entro il 30 novembre 2017 sarà presentata la lista completa dei membri dell’Assemblea sinodale nel sito giovanipadova.it. I membri riceveranno il mandato durante la Veglia di Preghiera dei Giovani del 13 dicembre 2017.

Momento formativo per l’Assemblea sinodale

L’Assemblea sinodale si riunirà la prima volta sabato 16 dicembre 2017 per prepararsi al compito di discernimento richiesto.

Come si svolgerà il lavoro dell’Assemblea sinodale

I lavori dell’Assemblea sinodale si possono suddividere in due fasi: una prima fase in “Commissioni” di lettura, analisi e discernimento delle relazioni dei piccoli gruppi sinodali e una seconda fase caratterizzata dalle “Sessioni plenarie”.

Nello specifico: Lavoro nelle Commissioni

assemblea1

Nella prima fase, dicembre 2017 – marzo 2018, l’Assemblea sinodale si divide in quattro “Commissioni” su base zonale (Nord, Centro, Sud-Est, Sud-Ovest). Ciascuna Commissione è suddivisa in “gruppi di lavoro” formati da 5/7 giovani ciascuno. Ogni “gruppo di lavoro” riceve una parte delle relazioni dei “gruppi sinodali” e, dopo un’attenta lettura e discernimento, formula delle indicazioni che presenterà alla propria Commissione. Riceverà inoltre dalla Segreteria del Sinodo una traccia di lavoro per svolgere il proprio incarico a livello di metodo e di stile, sarà supportato dalla Segreteria stessa, da alcuni presbiteri e da alcuni giovani della Commissione preparatoria.
Dalle indicazioni delle quattro Commissioni si giungerà a un Testo Base (T.B.) che diventerà il punto di partenza delle Sessioni plenarie.

Lavoro nelle Sessioni plenarie
assemblea2

Nella seconda fase, tra aprile e maggio 2018, ci saranno le “Sessioni plenarie”: sono previste due “Sessioni plenarie” in cui si valuterà il Testo Base (T.B.) della fase precedente, si elaboreranno delle proposte concrete e si giungerà alla votazione su quanto emerso. L’Assemblea sinodale si riunirà in plenaria una prima volta venerdì 20 aprile e sabato 21 aprile e una seconda volta sabato 5 maggio 2018.

VEGLIA DI PENTECOSTE – 19 maggio 2018
Durante la Veglia di Pentecoste viene affidato al Vescovo l’esito del Sinodo dei giovani.
assemblea3